L’azione dell'operatore Shiatsu coincide in maniera esemplare con i massimi principi enunciati e perseguiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sul tema della salute - "lo stato ottimale di benessere fisico, mentale e sociale"-, perché agisce, attraverso una tecnica manuale antichissima, per promuovere il benessere della persona, stimolandola verso un maggiore equilibrio del suo stato di benessere.

Attraverso lo Shiatsu riacquistiamo infatti consapevolezza di tutte le parti del nostro corpo, armonizziamo le nostre energie, accediamo a tutte le nostre risorse, creiamo i presupposti per "l'autoguarigione", miglioriamo la nostra qualità di vita e viviamo in modo più consapevole e sereno.

Lo Shiatsu non è sostitutivo di eventuali terapie mediche, paramediche, psicologiche e psichiatriche, ma è un metodo finalizzato al ripristino dell'equilibrio energetico dell'utente. Per queste sue caratteristiche è risultato essere perfettamente affiancabile, a qualsiasi trattamento terapeutico convenzionale e non convenzionale, senza alcun rischio e pregiudizio per le cure cui esso eventualmente si accompagna.

Lo Shiatsu è stato portato con grande successo negli ospedali, nelle cliniche di riabilitazione motoria, negli istituti geriatrici, nelle comunità di recupero dalle tossicodipendenze, nei centri di cura per handicap mentali e in tutti gli ambiti di disagio fisico e psichico; ma anche nelle palestre, nelle scuole di yoga o altre discipline corporee, nelle aziende, nei club sportivi e in tanti altri ambiti dove operano persone "normalmente sane" o addirittura "particolarmente sane" come sportivi e atleti; in tutti i casi il gradimento e i benefici riscontrati sono stati notevoli.